Cerca
Close this search box.

Cinghiali e ungulati imperversano. Danni e allarme sicurezza. Il sindaco di Montevarchi: “Risposte celeri da Regione e ATC1”

“La prolificazione della fauna selvatica provoca danni alle colture del territorio e rischi per la sicurezza dei cittadini”. Lo ha detto il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini, che ha raccolto la preoccupazione e il grido d’allarme lanciato da decine di imprenditori agricoli, coltivatori diretti e cittadini. “Si sono rivolti a me per segnalare il considerevole aumento di cinghiali e ungulati che imperversano nel territorio e lungo le nostre strade provocando danni alle coltivazioni e forti rischi per la sicurezza – ha spiegato Chiassai – Per questo motivo, ho scritto alla Regione e all’Atc 1 di competenza per avere un riscontro sull’attività che attualmente viene svolta, sui controlli effettuati e sulle azioni adottate in merito alla prolificazione della fauna selvatica nel territorio comunale. La presenza di questi animali, infatti, non è più sporadica, ma è diventata sempre più frequente, anche in termini di numero di capi avvistati, e necessita di un intervento più incisivo delle autorità preposte”.

Per Chiassai, inoltre, le misure adottate fino ad oggi legate solo agli indennizzi, una volta accertato il danno, non sono più sufficienti a coprire il sacrificio del lavoro svolto sui terreni, che viene continuamente compromesso. “Grave è poi la denuncia di agricoltori e cittadini che segnalano l’assenza di una squadra di cacciatori dedita al presidio delle aree nel comune di Montevarchi, la seconda città della provincia, che non può non avere un presidio, rischiando addirittura che la situazione peggiori, arrivando ad una sola squadra per l’intero territorio compreso tra Valdarno e Valdambra – ha concluso il sindaco – Ritengo indispensabile una celere risposta da parte della Regione e dell’Atc 1 e che queste problematiche vengano affrontate prima possibile per salvaguardare i prodotti della nostra terra e l’impegno di coloro che scelgono di operare in difesa dell’ambiente, ma anche per tutelare l’incolumità delle persone dal rischio di incidenti”.

Articoli correlati