Cerca
Close this search box.

Figline. Completata la riparazione dell’area gioco inclusiva ai giardini pubblici della Misericordia presa di mira dai vandali

Proseguono purtroppo gli episodi di atti vandalici nelle aree verdi di Figline Incisa. Atti che prevedono opere di ripristino da parte del Comune che vanno poi inevitabilmente a ricadere sulla collettività. Nei giorni scorsi, è stata completata la riparazione dell’area gioco inclusiva ai giardini della Misericordia di Figline. Un’operazione resa necessaria, oltre che per la naturale usura provocata dal tempo e dagli agenti atmosferici, anche a causa di inciviltà e vandalismo (come panchine rotte, giochi spezzati, attrezzature divelte, rifiuti abbandonati, tracce di fuochi accesi). Purtroppo, questo è solo l’ultimo dei numerosi interventi effettuati negli anni per riparare i danni arrecati all’area gioco dei giardini pubblici della Misericordia dalle azioni di alcuni incivili ed è di particolare rilevanza proprio l’importante funzione sociale svolta dall’area stessa, realizzata nel 2017 con lo scopo di essere appunto inclusiva e quindi fruibile anche dai bambini disabili, grazie all’abbattimento delle barriere architettoniche e all’introduzione di appositi giochi (per lo più altalene, giochi tattili e scivoli), scelti con l’aiuto delle associazioni di volontariato del territorio che si impegnano nell’ambito dell’inclusione sociale dei disabili. I giardini della Misericordia, tra l’altro, sono stati teatro nella notte di Capodanno di un increscioso episodio: ignoti infatti hanno sparato dei botti contro i gatti della colonia felina situata all’interno dell’area verde, una delle più amate e frequentate dai cittadini.

“Gli atti di vandalismo perpetrati contro giardini pubblici, aree verdi e, in generale, contro gli spazi destinati a tutta la comunità, fanno sempre male e meritano una severa condanna, – commenta l’assessore all’Ambiente, Paolo Bianchini – ma vederli perpetrati contro un’area destinata anche ai bambini portatori di disabilità, quindi uno spazio di inclusione e uguaglianza, è intollerabile e richiedono una condanna ancora più dura. Voglio quindi cogliere l’occasione per ringraziare il nostro ufficio Ambiente, che ha reso di nuovo l’area perfettamente agibile, e per ricordare a certi incivili come le loro azioni danneggino profondamento questi bambini e quindi tutta la nostra comunità”.

 

Nei giorni scorsi, inoltre, sono state effettuate le riparazioni delle aree gioco presenti nei giardini pubblici di Palazzolo, Burchio e Malgrat de Mar, mentre sono attualmente in corso i lavori di ripristino delle attrezzature e la sostituzione delle altalene nell’area dei giardini “Martiri Cavicchi”, dove peraltro è stata aggiunta anche un’altalena utilizzabile dai bambini con disabilità. Oltre alle aree giochi, altre operazioni di manutenzione e soprattutto piantagione di nuove alberature hanno riguardato le aree verdi del territorio. Già nelle scorse settimane, nella zona di Barberino a Incisa, era stata completata la piantagione di due nuove alberate stradali in via Falcone e in via Borsellino (composte complessivamente da circa 30 cipressi e 20 olivi), mentre in via del Mezzule sono stati piantati 10 esemplari di acacia giapponese. In questi giorni invece sono in corso le già annunciate piantagioni nell’area verde di viale Nenni a Matassino, con 30 nuove piante di acero campestre. Questo intervento conclude così la sessione delle piantagioni invernali; piantagioni che riprenderemo all’inizio della prossima primavera, anche grazie al progetto dei Carabinieri Forestale, “Un albero per il futuro” (https://unalberoperilfuturo.rgpbio.it/), a cui l’Amministrazione comunale ha deciso di aderire e che prevede la donazione di 50 nuovi alberi, appartenenti a varie specie, che verranno piantate dai giardinieri del Comune in specifiche aree verdi. Si tratterà soprattutto di arbusti e piante mellifere, che costituiranno una variante in termini di fioriture, ma rappresenteranno anche un sostegno per la salvaguardia della popolazione di api in ambito periurbano: un obiettivo perseguito da anni dal Comune stesso, come dimostra la grande varietà di specie adoperate nel continuo rinnovamento del patrimonio arboreo comunale. Ogni pianta inoltre sarà geolocalizzata attraverso un proprio Qr code e potrà così essere seguita nella sua crescita. “In questo caso, oltre a un ringraziamento, i nostri Carabinieri Forestale meritano un plauso per questo splendido progetto, al quale come Amministrazione non potevamo non aderire – conclude l’assessore Bianchini –, perché non solo si integra con quanto già stiamo facendo in termini di incremento del verde urbano ma, con queste nuove e varie alberature, va a salvaguardare la biodiversità del territorio, proteggendo le api che sono insetti sociali fondamentali per il nostro ecosistema”.

Articoli correlati