Cerca
Close this search box.

Figline Incisa. L’Amministrazione comunale stila un bilancio degli interventi e del percorso partecipativo nelle frazioni

Riproduci video

Riasfaltature e rifacimento della segnaletica, riqualificazioni delle aree verdi e delle aree gioco, installazione di nuovi arredi e implementazione dell’illuminazione. Questi alcuni degli interventi eseguiti dell’Amministrazione  di Figline Incisa nel corso dell’ultimo anno grazie alle segnalazioni e alle indicazioni arrivate direttamente dagli abitanti delle frazioni. Varato dal Comune oltre un anno fa, nel gennaio 2023 – insieme allo stanziamento di 60 mila euro – il progetto di bilancio partecipato ( in alto le interviste alla sindaca Giulia Mugnai e all’assessora Elena Cencetti sul tema) ha messo al centro il ruolo delle Assemblee di frazione, a coronamento di una evoluzione della partecipazione popolare nelle 12 frazioni comunali concretizzatasi alla fine del 2021. Ciascuna frazione, confrontandosi con i residenti, ha raccolto e continua a raccogliere le proposte da presentare all’Amministrazione sulla cui base viene stilato un cronoprogramma degli interventi da realizzare. Ogni frazione ha avuto inoltre a disposizione un contributo annuale di 5 mila euro, da destinare a iniziative con scopo aggregativo e di socializzazione per migliorare la qualità di vita della propria comunità. Una modalità che ha permesso e permette ai cittadini di prendere parte ai percorsi decisionali e sentirsi coinvolti in un progetto di collettività. Le Assemblee offrono così uno spazio di confronto e partecipazione che va dalla pianificazione territoriale su larga scala alla presa in carico delle questioni più quotidiane, come un marciapiede da riparare o l’organizzazione di un momento di incontro.

Un rapporto, quello con le frazioni, che si è evoluto anche nei suoi rappresentanti, dalla scelta iniziale di assegnare la delega alle Politiche per le frazioni al consigliere comunale Fabio Gabbrielli alla decisione di attribuire poi questa importante funzione anche all’ assessora Elena Cencetti, non per sostituire ma per integrarne il ruolo in questo delicato percorso partecipativo e rendere ancora più stretto il legame con l’Amministrazione. Dal febbraio 2022 è attiva anche la Consulta delle frazioni, l’organismo di rappresentanza di tutti i centri abitati del territorio comunale, formata dai rappresentanti delle 12 frazioni insieme alla Giunta e al consigliere delegato alle Politiche per le frazioni. È attualmente in corso un nuovo ciclo di incontri nelle frazioni, voluto dall’Amministrazione comunale per confrontarsi e favorire una più ampia partecipazione della cittadinanza alla vita pubblica. Partito a novembre da Brollo, il giro è proseguito poi per Burchio, Gaville, Cesto, Poggio alla Croce, Palazzolo, La Massa e si chiuderà nelle prossime settimane con gli appuntamenti di Restone, Stecco, Matassino, Ponte agli Stolli e Porcellino.Nel corso di queste sedute pubbliche, libere e aperte a tutti i residenti delle frazioni interessate, i cittadini e il referente di frazione da loro delegato si confrontano coi membri della Giunta comunale, che aggiornano i residenti sullo stato di avanzamento dei vari progetti e delle varie attività già programmate e finanziate a seguito di richieste precedenti, e ascoltano quindi le nuove proposte e le istanze dei residenti stessi.

“Negli ultimi anni – spiegano la sindaca Giulia Mugnai e l’assessora Elena Cencetti – abbiamo cercato di rendere sempre più stretto il contatto e la collaborazione con le nostre frazioni, che sono una parte fondamentale del nostro territorio e della nostra comunità. Sono stati tantissimi gli investimenti e le risorse lì impiegati. Con la creazione di una vera e propria consulta e il lavoro dei rappresentanti abbiamo mantenuto più saldi i legami con gli abitati delle frazioni e abbiamo potuto concertare gli interventi più importanti non solo in termini di lavori pubblici ma anche con un sostegno alla socialità. Nelle frazioni ci sono patrimoni umani e associativi che è giusto valorizzare e per questo abbiamo voluto essere al loro fianco in questo percorso”.

Articoli correlati