Cerca
Close this search box.

Figline Incisa. Le assessore Elena Cencetti e Francesca Farini tracciano il bilancio di fine legislatura

Riproduci video

Legislatura agli sgoccioli a Figline Incisa. Sono stati cinque anni contraddistinti dall’emergenza Covid e dai problemi economici ma anche dalle opportunità arrivate dal PNRR. Ogni componente della Giunta guidata da Giulia Mugnai ha tracciato un bilancio. Oggi sentiremo i consuntivi delle assessore Elena Cencetti e Francesca Farini (in alto i contrbuti video). “Tra le mie deleghe- ha detto Elena Cencetti- c’è quella della Polizia municipale, che è sicuramente da ringraziare, oltre che per il lavoro svolto quotidianamente, anche per tutte le altre attività come quella sulla sicurezza stradale per i giovani. La Polizia municipale, tra l’altro, può fare affidamento su una videosorveglianza capillare nel territorio e che sarà presto implementata, con lo scopo di dare sempre maggior sicurezza ai cittadini. Sul fronte del territorio, è cresciuto intanto il rapporto di vicinanza con le nostre dodici frazioni grazie anche alla presenza dei referenti delle frazioni  stesse che fanno parte della Consulta. Sono in corso proprio in queste settimane delle assemblee che stanno proseguendo nel territorio per sentire direttamente la voce dei cittadini. A questo si aggiunge il contributo messo a disposizione a scopo associativo e aggregativo per riportare socialità all’interno delle frazioni. Infine, è da sottolineare il lavoro fatto sul trasporto e sul territorio: abbiamo raccolto dai pendolari i gravi disagi e disservizi sulla tratta Arezzo-Firenze, fino agli incontri con Rfi e Regione. È questo un lavoro che proseguirà finché non vedremo un reale miglioramento nel servizio offerto”.

“La pandemia ha colpito fortemente gli ambiti delle deleghe a me affidate, in particolare quelle della scuola con la chiusura del 4 marzo 2020 a causa del Covid e il turismo- ha dichiarato Francesca Farini-. In questa difficoltà un bilancio sano e solido insieme ad una macchina comunale reattiva e preparata ci ha permesso di attivarci per rispondere alle esigenze più urgenti, a cominciare dall’adeguamento delle aule per il distanziamento sociale e dalla connettività dei plessi scolastici per la DAD. In questi anni è poi proseguito l’investimento sugli edifici scolastici per la manutenzione ordinaria per circa 1,5 milioni in cinque anni e soprattutto per quella straordinaria di adeguamento sismico e statico ed efficientamento energetico per 1,7 milioni. Per la compartecipazione delle spese per i servizi scolastici l’investimento è stato di circa 9 milioni. In questi anni abbiamo mantenuto i servizi e le tariffe invariati nonostante l’inflazione salita alle stelle. Dalla mensa al trasporto scolastico, al pre e post scuola, ai centri estivi, per dare sostegno alle famiglie in una congiuntura difficile. Sono poi ripartiti anche i progetti scolastici in rete con gli Istituti comprensivi e le associazioni, il progetto Scuola diffusa e progetti innovati sull’affettività e la sessualità, sul bullismo e sul cyberbullismo. Sul turismo dopo la ripartenza nazionale abbiamo lavorato al piano di marketing territoriale  presentato qualche settimana fa. Adesso stiamo lavorando alla costituzione del tavolo di lavoro per mettere in campo quelle politiche pubbliche che aiuteranno il nostro turismo a svilupparsi”

Articoli correlati