Cerca
Close this search box.

Inaugurato a Cavriglia il Centro sportivo polivalente di Bellosguardo

Riproduci video

Un progetto molto ambizioso che abbina lo sport alla cultura e alla natura e che è stato completato in queste settimane. È un vero e proprio gioiello quello inaugurato oggi nell’area di Bellosguardo a Cavriglia. E’ il centro sportivo polivalente culturale, che comprende cinque campi da padel, un’area per bambini, un ristorante, una palestra a cielo aperto e un anfiteatro con 400 posti. Insomma, un vero e proprio luogo del benessere, come ha ricordato l’ideatore del progetto, Daniele Tognaccini, fondatore di Milan Lab e molto conosciuto in ambito sportivo. I lavori, che sono stati portati avanti dal gruppo Human Company, si sono definitivamente conclusi e hanno comportato un investimento di 2,5 milioni di euro. A fianco della Human Company, una società ad hoc, a capitale diffuso e con specifiche finalità sociali di beneficio comune che, su impulso del gruppo fiorentino, ha coinvolto un parterre di imprenditori della vallata desiderosi di restituire al territorio un contributo concreto, attraverso la creazione di una struttura che punta a promuovere i valori dello sport e del benessere psico-fisico dell’individuo.

 

 

Il Centro sportivo polivalente di Bellosguardo rappresenta una vera e propria appendice del Parco dello Sport. I lavori del centro sportivo e polifunzionale sono stati infatti accolti come importante preludio di un progetto che offrirà, in prospettiva, una nuova significativa attrazione per i cittadini dell’intera vallata e oltre. All’inaugurazione, oltre alle istituzioni locali, con in testa il sindaco, erano presenti, tra gli altri, i vertici di Human Company, Maurizio Sarri, ex allenatore della Lazio, che fa parte del gruppo di 28 personaggi e imprenditori valdarnesi che hanno deciso di abbracciare il progetto e il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani.

IN ALTO ALCUNI INTERVENTI SUL PALCO DI BELLOSGUARDO. DANIELE TOGNACCINI, CLAUDIO CARDINI, PRESIDENTE DI HUMAN COMPANY E MAURIZIO SARRI.

Articoli correlati