Cerca
Close this search box.

Fratelli d’Italia di Arezzo e Loro Ciuffenna: “Rossi può mandare il PD all’opposizione, Fdi sa riconoscere un buon progetto e il candidato migliore e fare un passo indietro”

Monica Gobbi e Francesco Lucacci, responsabili locali e provinciali di Fratelli d’Italia, prendono atto della replica di Forza Italia sui fatti del 25 aprile.”Chi scrive di Forza Italia dimostra ancora una volta come sia del tutto inutile cercare di spiegare concetti la cui comprensione sfugge a chi, evidentemente, non li comprende – ha spiegato FdI – Ormai da anni le chiese sono usate come luogo per iniziative secolari, come concerti, convegni, attività culturali, sociali e, a volte, anche politiche, pur se consacrate. Vedere una iniziativa per il 25 aprile in “terra consacrata” non è una novità: il problema non è stato invitare Guccini alla Pieve di Gropina per ricordare la resistenza, ma il fatto che in chiesa, poi, siano stati fatti in modo non consono e non appropriato al luogo canti e gesti comunisti e si siano dette parole di odio contro il governo Meloni. Le cose vanno dette nel modo giusto avrebbe detto il compianto Berlusconi. Da anni il Centrodestra a Loro Ciuffenna a causa dei modi di fare politica di Baldi e Tarquini, non riesce ad essere attrattivo e aggregante – ha aggiunto Fratelli d’Italia – L’azione politica di contrasto non viene percepita dai cittadini, in quanto sterilmente tenuta entro le mura del consiglio comunale e non comunicata sui mezzi di informazione e sui social. Da anni alcuni agognano a stare in consiglio comunale senza poi realmente fare una opposizione incisiva e senza denunciare le malefatte delle amministrazioni a targa PD e ad ogni elezione brigano più per tenere fuori chi può metterli in ombra, invece di pensare a vincere. Baldi, che militava nel partito socialdemocratico, quando ancora lo zio di Francesco Lucacci era vivo, il compianto e mai dimenticato Giampiero Brogi, sono decenni che è nel mezzo come il prezzemolo, esempio lampante di perdente di successo”.

 

 

“Questa volta a Loro vi è un candidato civico che, a differenza di Forza Italia, ha deciso di fare una lista solo civica che andasse oltre gli schieramenti, totalmente nuova senza persone con un pregresso politico per unire tutti coloro che fossero scontenti del PD e tentare di cambiare le cose – ha aggiunto Fratelli d’Italia – La scelta di tenere fuori persone ufficialmente nei partiti ha colpito anche noi, che però apprezziamo il tentativo di Rossi, perché è nel solco di quello che il centrodestra fa in tanti comuni sotto i 15000 abitanti in queste elezioni, pur di mandare il PD all’opposizione. Invece FI voleva candidare i soliti Baldi e Tarquini… Ci risulterebbe che Rossi avesse chiesto anche a Galletti di essere in lista come consigliere, ma lui avrebbe rifiutato: forse non è stato disponibile a stare agli ordini di un umile vigile urbano… a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si azzecca. Fa bene Rossi a rivendicare l’indipendenza del suo progetto. Fdi invita, da spettatore esterno, i suoi elettori di Loro Ciuffenna a votarlo, anche se non ha nessuno dei suoi in lista, perché il suo è un progetto che unisce e può battere il PD. Il cdx a Loro Ciuffenna è poco più di un terzo dell’elettorato, pertanto, solo se ad esso si aggiungono parti del csx si può cacciare il PD. Si ricorda agli evidentemente poco aggiornati Baldi e Tarquini – ha concluso FdI – che il presidente della Basilicata di FI Bardi è stato appena rieletto con il 56,63% dei voti con due liste di area csx a sostenerlo, ovvero la lista di Azione e la lista Orgoglio Lucano, riconducibile ad Italia viva, che gli hanno portato il 14,53%, senza cui, forse, avrebbe perso. La verità è che FI a Loro pensa solo a FI e anche questa volta la musica per i loresi non cambierà se i suonatori sono gli stessi”.

Articoli correlati