Cerca
Close this search box.

Domattina in Collegiata a Montevarchi l’ultimo saluto a Massimo Ulivi. Il ricordo del sindaco

Sono stati tantissimi i messaggi di cordoglio fatti recapitare alla famiglia per la morte di Massimo Ulivi, il 62enne vice presidente della Pro Loco, membro del Club Alpino Italiano e fondatore del Movimento Prima Montevarchi morto la vigilia di Natale. Ulivi era un personaggio molto conosciuto, una di quelle persone che lasciano un solco profondo nel tessuto associativo cittadino. Domattina alle 11:00 in Collegiata i funerali. Nel frattempo ha voluto ricordarlo anche il sindaco Silvia Chiassai Martini, che ha sottolineato la sua grande passione e dedizione per il bene della città.

“Massimo è ricordato con tanto affetto e stima dai suoi concittadini, colleghi di lavoro e d’associazione, perché era un uomo garbato, educato, si direbbe per bene – ha scritto in un lungo post – una rarità oggi giorno. Un vero montevarchino, uno che non criticava ma aiutava a risolvere i problemi e a proporre opportunità per migliorare la nostra città. Ha dedicato tempo e impegno nella realizzazione di tante iniziative per permettere di scoprire e apprezzare la nostra Montevarchi”.

Silvia Chiassai Martini ha ricordato che anche in questo lungo anno di malattia non ha mai smesso di donarsi anima e corpo e ha voluto fortemente realizzare il grande evento su i Presepi che, grazie a lui, è possibile visitare al Palazzo del Podestà in questo suo ultimo Natale. “Oltre alle tante ore di volontariato e al grande impegno che con sua moglie e gli amici della Proloco ha messo per rendere più natalizio il nostro centro”.

“Massimo – ha aggiunto il sindaco – continuerà ad accompagnarci attraverso tante iniziative a cui stava lavorando e la nostra Amministrazione aiuterà la Proloco, sua moglie Margherita e le sue due meravigliose figlie a realizzarle, perché il suo ricordo e la sua passione per la nostra città ci accompagneranno sempre. Domani alle 11 ci ritroveremo in Collegiata per un ultimo saluto a un grande montevarchino e sono certa che tanti che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, saranno presenti a rendere omaggio ad un gentiluomo
che amava la nostra Montevarchi” .

Articoli correlati