Cerca
Close this search box.

Presunti abusi di un valdarnese sulla figlia minorenne. Udienza preliminare rinviata al 5 aprile

Avrebbe abusato sessualmente della figlia minorenne. E’ l’accusa nei confronti di un padre di 41 anni, operaio e incensurato, che stamani è comparso in Tribunale ad Arezzo per l’udienza preliminare che doveva decidere l’eventuale rinvio a giudizio.
L’udienza è stata rinviata al 5 aprile prossimo perché il giudice ha dichiarato la propria incompatibilità nel seguire il rito e si è dovuto affidare il caso ad un altro magistrato.
I fatti risalgono al marzo di un anno fa quando i carabinieri della Compagnia di San Giovanni eseguirono un’ordinanza di applicazione della misura degli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Arezzo nei confronti del quarantunenne che, secondo le indagini, per anni avrebbe costretto la ragazzina a subire le sue attenzioni morbose. Una catena che si era interrotta quando l’adolescente aveva confidato i presunti abusi alle amiche che successivamente avevano raccontato quanto stava accadendo ai genitori. Scattò la denuncia e l’indagine dei militari che, avvalendosi anche di intercettazioni telefoniche e ambientali, portò al fermo dell’uomo.
Lui, tuttavia, ha sempre dichiarato la propria innocenza, negando ogni addebito.

Articoli correlati