Cerca
Close this search box.

Temperature polari nella notte. La colonnina di mercurio è scesa in alcuni punti a -10. Tratti stradali ghiacciati

È stata una delle notti più fredde quella appena trascorsa in Valdarno. In altura la colonnina di mercurio è scesa addirittura a -10, -8 in collina, -7 nel fondovalle. La neve ha continuato a scendere fino alle prime ore della notte, per poi placarsi. Ma è il ghiaccio il pericolo maggiore che si sono trovati di fronte gli automobilisti questa mattina. Interi tratti ghiacciati, con rischi notevoli.
I mezzi spargisale hanno lavorato un po’ ovunque. Le macchine sono entrate in funzione ieri sera e hanno ripreso la loro attività all’alba. Molte le zone critiche.
A Montevarchi la strada per Moncioni, Mercatale e Caposelvi. A Cavriglia Santa Lucia ma soprattutto le arterie che conducono a Montegonzi, al Parco, a Grimoli e alle frazioni più alte. A Bucine i borghi della Valdambra come Cennina e Rapale. A Terranuova tutte le frazioni collinari come Le Ville, Persignano, Piantravigne, Campogialli, Traiana, Cicogna e Castiglion Ubertini. Situazione critica, per il ghiaccio, anche a Loro Ciuffenna, dove tra l’altro le scuole stamani sono rimaste chiuse. La neve ieri sera è scesa copiosa in Pratomagno e i borghi montani sono raggiungibili solo con gomme termiche o catene.
A Castelfranco Piandiscò problemi per salire nelle frazioni più alte, come Pulicciano. A Reggello mezzi spargisale in azione, con forti criticità soprattutto a Pietrapiana e Tosi, dove alcuni cittadini hanno segnalato interi tratti ghiacciati. A Figline e Incisa Valdarno i mezzi spargisale hanno ripreso a lavorare all’alba di stamani, cercando di mettere in sicurezza le arterie collinari più a rischio. Particolari problemi sono stati segnalati lungo la strada per Gaville, il Brollo, Dudda e lungo l’arteria che porta all’area campeggi. Stesse criticità, ad Incisa, segnalate in particolare a Loppiano e San Vito.
Al momento si registrano temperature molto basse su tutto il territorio della Città Metropolitana Fiorentina (le località più fredde sono Castagneto, Monte Giovi e Giogo con -10.5 gradi). Le strade interessate dalle precipitazioni sia di ieri che di stamattina sono soggette alla formazione di ghiaccio che abbinate alle basse temperature presenti, rende poco efficace anche l’utilizzo del sale che gli operatori della Città Metropolitana stanno spargendo sulle viabilità di competenza. Per tale motivo si consiglia di avere sempre a bordo le catene anche in presenza di gomme termiche montate.
A seguito di un provvedimento emesso dalla Prefettura di Firenze, a partire dalle 22:00 di ieri e fino a cessate esigenze, è vietata la circolazione di mezzi con massa complessiva superiore a 7.5 tonnellate, in tutta la rete viaria della provincia fuori dai centri abitati. Per le prossime ore, vista l’entrata sulla Toscana di un fronte freddo di provenienza siberiana, si prevede ulteriore calo su valori sotto le medie del periodo. Le temperature massime saranno intorno allo zero in pianura.

Articoli correlati