Cerca
Close this search box.

Ucciso con un narghilè nell’ottobre del 2023 a Terranuova. La Procura di Arezzo chiude le indagini. L’imputato dovrà rispondere di omicidio volontario senza aggravanti

Morì all’alba del 1 ottobre 2023 dopo una rissa avvenuta all’esterno di un locale in via Poggilupi a Terranuova Bracciolini. Fu ucciso durante la rissa con un narghilè che gli fu lanciato da distanza ravvicinata, provocandogli danni irreparabili alla gola.. Come riportato questa mattina dal Corriere di Arezzo, la procura del Capoluogo ha chiuso le indagini sulla vicenda. Al giovane accusato del reato, un 33enne originario della Repubblica Dominicana, è stato contestato il reato di omicidio volontario senza aggravanti. L’uomo risiede a Perugia e da otto mesi è in carcere. A perdere la vita in quella terribile giornata fu Joel Ramirez Seipio, 38 anni, anche lui di origini dominicane, ma residente a Montevarchi.

 

 

Le indagini partirono immediatamente e i carabinieri, avvalendosi anche delle telecamere di sorveglianza della zona, risalirono al 33enne, che adesso andrà a processo. L’imputato potrà chiedere anche il rito abbreviato. Un grave fatto di cronaca che sconvolse la comunità valdarnese e in particolare quella montevarchina. La vittima, infatti, era conosciuta.

Articoli correlati