Cerca
Close this search box.

Bekaert, PRC: “prepariamo un presidio davanti allo stabilimento”

Troppa indifferenza sulla vicenda Bekaert. Un silenzio che ha suscitato una presa di posizione da parte del Circolo valdarnese del Partito della Rifondazione Comunista che attraverso un comunicato chiede che si torni a porre attenzione sullo stabilimento figlinese. “E’ ormai calato il silenzio, sia sui centinaia di lavoratori e lavoratrici licenziati/e, sia sul degrado dell’area industriale. Facciamo appello tutte le forze politiche e sindacali della sinistra valdarnese per rilanciare un nuovo percorso di mobilitazione, contro questo scempio, a partire da una Iniziativa unitaria davanti alla fabbrica ex Bekaert, da organizzare a novembre.Non siamo disponibili a rassegnarci all’arroganza delle multinazionali che speculano su persone e territori. Ci sono opzioni e soluzioni che non sono state sufficientemente sostenute come la costituzione di una cooperativa di operai, altre non ancora vagliate, come la nazionalizzazione della azienda. Ci sono mercati e produzioni diverse che possono essere studiate e avviate- scrive Rifondazione- dobbiamo agire adesso, prima che istituzioni e padroni si accordino per un nuovo supermercato o peggio per una nuova speculazione edilizia residenziale. Pretendiamo il mantenimento dell’area a destinazione industriale, il celere avvio della attività produttiva e la piena occupazione per i lavoratori licenziati. Pirelli prima e poi Bekaert si sono riempiti le tasche anche grazie a sostegni e agevolazioni delle istituzioni, per poi fuggire con il malloppo- termina PRC- la fabbrica non gli appartiene, appartiene ai lavoratori e ai cittadini”.

 

Articoli correlati