Cerca
Close this search box.

Mimmo Locasciulli dà il via ufficiale al Festival Orientoccidente

Prende il via ufficialmente il Festival Orientoccidente, giunto alla sua ventesima edizione e ad aprire la manifestazione, il 4 luglio prossimo in piazza della Repubblica a Castelnuovo dei Sabbioni, con inizio alle 21,30, il cantautore Mimmo Locasciulli. “Non finiremo mai di ringraziare l’Amministrazione di Cavriglia – ha affermato Giampiero Bigazzi della Materiali Sonori – per averci dato questa opportunità. Per noi, che in questa terra abbiamo le radici, è sempre un punto di orgoglio e di profondi pensieri. Quest’anno inoltre ricorre l’80° anniversario dei bestiali eccidi che fascisti e nazisti misero in atto nell’estate del 1944, che poi fu anche l’estate della Liberazione del Valdarno”. Ogni volta, per il concerto del 4 luglio, vengono proposte parole e musiche che possano raccontare sentimenti, memorie, mutazioni, e “raccontare storie di una umanità sofferente ma anche convinta di continuare a sognare (e lottare per) un mondo migliore. Parole che riescano comunque a parlare di amore”. Ecco quindi l’inaugurazione del festival con Mimmo Locasciulli, uno dei più autorevoli esponenti della canzone d’autore, rappresentante della “scuola romana”, nata negli anni Settanta al leggendario Folk Studio.

 

 

In quel periodo, dopo esperienze con gruppi beat e rock, Locasciulli si avvicinò alla musica folk e folk-rock grazie alle frequentazioni con musicisti europei e americani incontrati a Perugia, dove studiava Medicina. Collaboratore di Francesco De Gregori (suo, per esempio, è il piano e l’organo in “Titanic” e in “La donna cannone”) e di tanti altri cantautori, in cinquant’anni anni di carriera e ventisei album, sempre indifferente alle mode o alle sollecitazioni di mercato, Mimmo Locasciulli ha seguito una sua personale strada musicale, fatta soprattutto di coerenza ma anche di ricerca, di curiosità e di sconfinamenti in ambiti musicali diversi (come il jazz). Così si è conquistato, e ancora conserva, un posto di primissimo piano nel panorama della canzone d’autore italiana. Per Orientoccidente, nell’ambito delle iniziative “L’urlo della memoria”, si presenterà con il suo pianoforte in un concerto intimo e allo stesso tempo coinvolgente. Un concerto nudo e crudo, senza mediazioni. A tu per tu con la poesia nel momento in cui diventa canzone. Prima dell’inizio del concerto, sempre in piazza della Repubblica a Castelnuovo dei Sabbioni, è prevista la cerimonia di consegna delle Costituzioni ai diciottenni.

Articoli correlati