Cerca
Close this search box.

Via libera del Consiglio dei Ministri al terzo mandato per i sindaci dei comuni da 5.000 a 15.000 abitanti

Il Governo, durante il consiglio dei ministri di questa mattina, ha approvato il decreto legge per l’election day, che fissa le elezioni europee all’8 e 9 giugno con possibilità di accorpare amministrative e regionali. Con il provvedimento cambiano anche i limiti per i mandati ai sindaci dei piccoli comuni: tra 5mila e 15mila abitanti si potrà arrivare al terzo mandato, sotto i 5mila verrà eliminato il limite. Una notizia molto importante anche per alcuni comuni valdarnesi che l’estate prossima andranno al voto per eleggere il nuovo primo cittadino e il consiglio comunale.

La nuova norma che elimina il blocco al secondo mandato, in Valdarno, riguarda nello specifico Terranuova Bracciolini, Cavriglia, Loro Ciuffenna e Castelfranco Pian di Scò. Non Bucine, perché il sindaco Benini, nel caso si ricandidasse, sarebbe al secondo mandato. Avevano invece finito il loro incarico istituzionale Leonardo degl’Innocenti o Sanni, Sergio Chienni, Moreno Botti ed Enzo Cacioli. A questo punto capiremo chi tra questi sarà ricandidato per la terza volta consecutiva. Non Cacioli, che ha già annunciato ufficialmente di non essere disponibile. Da valutare la posizione di Botti, mentre è ancora diversa la situazione a Terranuova e Cavriglia. Nella cittadina di Poggio Bracciolini il centro sinistra chiederà a Chienni di ripresentarsi, mentre a Cavriglia Sanni si è già detto disposto a correre di nuovo, ma lo farà solo dopo una interlocuzione con il partito, l’associazionismo e la società civile. Se dovessimo “scommettere”, punteremmo la fiche sulla candidatura di Chienni e Degl’Innocenti.

Articoli correlati