Cerca
Close this search box.

Distretto sanitario. Cresce San Giovanni: “Stanno continuando a giocare sulla pelle dei cittadini”

Continuano le uscite pubbliche dopo l’emendamento partorito ieri dal Consiglio regionale della Toscana in ambito sanitario. Emendamento, che, noto nota, apre uno spiraglio per la costituzione di un distretto sanitario unico, ma solo in seguito ad una nuova perimetrazione degli ambiti territoriali. Anche il gruppo Cresce San Giovanni e le liste collegate hanno voluto dire la loro, parlando di “situazione ridicola”. Carbini&C. hanno sottolineato come l’unificazione in ambito sanitario sarà possibile solo spostando i confini delle ASL , quindi stare con Firenze o con Arezzo.
“E’curioso che la negazione di un ‘esigenza molto sentita dai cittadini sangiovannesi e valdarnesi venga sbandierata come una vittoria dalla consigliera regionale del Pd Valentina Vadi, stranamente assente ad un consiglio comunale straordinario organizzato nei giorni scorsi a Montevarchi e organizzatrice di un evento di partito al quale faranno passerella istituzionale il direttore generale dell’ ASL Toscana Sud Est Desideri e l’ assessore regionale alla Sanità Saccardi. Siamo curiosi di capire cosa avranno il coraggio di sostenere – ha detto la forza di opposizione – . Che qualcuno stia convincendo la consigliera regionale e segretaria cittadina del Pd sangiovannese che forse non è poi così sbagliato andare verso l’area metropolitana e che forse non doveva avventarsi contro il suo Sindaco Viligiardi? Vedremo… – ha concluso Cresce – . Anche se il vero problema è che stanno continuando a giocare sulla pelle dei cittadini , senza alcun pudore e, soprattutto, senza alcuna visione del futuro”.

Articoli correlati