Cerca
Close this search box.

Erosione sul torrente Ambra. Il Comune di Montevarchi chiede alla Regione di intervenire e nel frattempo organizza un incontro con i cittadini

Nella frazione montevarchina di Levane i cittadini sono preoccupati per i fenomeni di erosione sul torrente Ambra. L’assessore ai lavori pubblici del comune di Montevarchi Lorenzo Posfortunato chiede alla Regione di elaborare un progetto di messa in sicurezza idraulica e nel frattempo organizza con l’amministrazione un incontro con la popolazione che si terrà domani alle 18:00 nei locali dell’oratorio di Levane. “Ci sono già stati numerosi incontri con i cittadini per esaminare i fenomeni di erosione segnalati sulle sponde del torrente Ambra – afferma Posfortunato – la giunta comunale ha condiviso queste preoccupazioni richiedendo agli uffici competenti della Regione un sopralluogo che, effettuato nell’agosto del 2022, attribuiva il fenomeno alla normale dinamica fluviale. Ritenendo inaccettabile questo riscontro, abbiamo inviato alla Regione tre successive sollecitazioni, nei mesi di dicembre, marzo e maggio 2023, affinché venisse affrontata la grave situazione provocata dall’erosione che aveva provocato nel tempo il cedimento di tratti di sponda del torrente, la parziale distruzione di alcune opere di rinforzo e l’interramento dell’ansa di sedimentazione destinata a rallentare la velocità dell’acqua di piena. Ma, ad oggi, l’unica risposta pervenuta dalla Regione è di aver rimandato al demanio la competenza sul nuovo assetto del fiume”.
Posfortunato ha poi tenuto a precisare che nel 2013, l’Ufficio “Difesa del Suolo” della Provincia di Arezzo aveva elaborato un progetto di risagomatura dell’alveo e di salvaguardia delle sponde per scongiurare il rischio idraulico anche nell’abitato di Levane. “Dal 2014 la competenza è passata alla Regione Toscana e il progetto è stato accantonato, anche se negli ultimi 50 anni, il torrente Ambra ha veramente modificato il suo corso, anche di 25 metri in più tratti, erodendo i terreni e dissestando le opere realizzate dall’allora Genio Civile in seguito all’alluvione del 1966 – ha spiegato l’assessore – I recenti avvenimenti in Romagna dimostrano, purtroppo, che le teorie sulle dinamiche idrauliche a volte vengono smentite dai fatti e che l’esperienza dei residenti e le segnalazioni dei Comuni devono essere prese seriamente in considerazione. Riteniamo pertanto che la Regione debba elaborare al più presto un progetto per mettere in sicurezza il tratto del torrente Ambra, perché vogliamo scongiurare conseguenze che potrebbero essere gravi, nonostante gli interventi richiesti dai cittadini e da questa Amministrazione comunale”.

Articoli correlati