Cerca
Close this search box.

Bekaert, Tozzi (Toscana Domani): “Bene il progetto di rilancio, ma servono infrastrutture per il Valdarno”

“Bene che si sia aperta una prospettiva industriale per l’area ex Bekaert, ma adesso la Regione non abbassi la guardia e faccia tutto ciò che è nelle sue competenze per rendere competitivo un territorio come quello di Figline Valdarno ora penalizzato dalla mancanza di infrastrutture adeguate”: questo quanto dichiara  Elisa Tozzi, consigliera regionale di Toscana Domani, alla luce del progetto di riconversione dell’area ex Beakert. Un progetto di rilancio industriale presentato in Regione dal rappresentante della Ge-Group, azienda del campo delle energie rinnovabili. Si tratta di un polo energetico circolare agroalimentare, totalmente autosufficiente, che accoglierà tra gli altri anche 26 lavoratori ex Bekaert rimasti tutt’oggi senza occupazione. “Una prospettiva di reindustrializzazione che arriva tardi visto che quasi 300 lavoratori, giocoforza, sono stati costretti a trovare un altro lavoro, depauperando un importante patrimonio di competenze sul territorio” sottolinea Tozzi .

“Un progetto che deve essere seguito perché altre crisi industriali in Toscana sembravano risolte e poco dopo il rilancio è svanito.La Regione e le istituzioni locali – conclude Tozzi – facciano tutto ciò che è nelle loro competenze per facilitare le condizioni di chi vuole fare imprese nel Valdarno, a cominciare dalle infrastrutture. È evidente che oggi Figline Incisa e il Valdarno non sono serviti adeguatamente, basta pensare alla necessità di un secondo ponte.  Se non ci sono le condizioni per fare impresa, gli appelli a difesa del lavoro – di cui il Pd si riempie la bocca – sono destinati a cadere nel vuoto”.

Articoli correlati