Cerca
Close this search box.

Blitz in A1. Sequestrate quasi 4.000 confezioni di profumi contraffati e ritrovati capi di abbigliamento rubati al The Mall di Leccio

Prima hanno sequestrato quasi 4.000 confezioni di profumi contraffatti, poi, in una seconda operazione, hanno recuperato la refurtiva sottratta all’outlet The Mall di Leccio di Reggello. La doppia azione è stata messa a segno dalla Polizia di Stato di Arezzo. Nel primo intervento, i poliziotti hanno notato, fermo in corsia d’emergenza, nel tratto aretino dell’A1, un autocarro straniero. Accanto c’erano due persone, che stavano chiedendo aiuto ai veicoli in transito. Gli agenti, prima hanno prestato soccorso, poi, seguendo il loro istinto da investigatori navigati, hanno deciso di approfondire il controllo scoprendo, stipati nel vano di carico, numerosi scatoloni pieni di profumi apparentemente griffati, ma risultati una falsa riproduzione degli originali: acqua di colonia di scarsa qualità e valore, spacciata per profumi top di gamma. Parliamo di ben 3.804 confezioni di profumi contraffatti apparentemente prodotti dai più grandi marchi presenti sul mercato (Dior, Armani, Yves Saint Laurent, Bulgari, Gucci). Il valore effettivo della merce sequestrata sarebbe stato, nel caso di prodotti autentici, ben superiore ai 500.000 euro. Questo per far capire quanto i truffatori avrebbero ricavato, dalla vendita al dettaglio, raggirando gli ignari acquirenti. I due soggetti, padre e figlio, entrambi originari dell’est Europa, sono stati denunciati per ricettazione e, visto che gli è stato sequestrato anche il veicolo, sono stati costretti a tornarsene a piedi nella loro destinazione.

 

 

Nel pomeriggio, un’altra pattuglia della Polstrada di Battifolle, ha fermato per un controllo, sempre in Autosole, un’autovettura Peugeot 207 con targa italiana e condotta da un sudamericano trentenne, trovato in possesso di capi di abbigliamento e borsette, griffate Burberry e Gucci. Alla richiesta di spiegazioni circa la provenienza di quanto trasportato, la persona ha esibito uno scontrino d’acquisto per 140 euro: un maldestro tentativo di giustificare il possesso di tutta quella merce, che ne valeva almeno 3.500. I poliziotti non si sono fatti abbindolare e lo hanno accompagnato in ufficio dove, anche grazie alla visione degli impianti di videoregistrazione, è stato riconosciuto come l’autore di due  furti avvenuti in altrettanti negozi situati all’interno dell’Outlet“The Mall” di Reggello. E’ stato denunciato per furto.

 

Articoli correlati