Cerca
Close this search box.

In mostra al Palazzo Pretorio di Figline “Gli anni della Dolce Vita”

Taglio del nastro domani sabato 18 maggio alle 15,30 presso Palazzo Pretorio di Figline della mostra “Gli anni della Dolce Vita”, organizzata dal Circolo Fotografico Arno – Galleria Fiaf in collaborazione con il Comune di Figline e Incisa con il sostegno della Banca del Valdarno Credito Cooperativo. L’esposizione sarà divisa in tre sezioni che, attraverso oltre 150 foto di 51 tra i più grandi autori italiani del Novecento, ripercorreranno quel decennio di grandi cambiamenti, evoluzioni e anche rivoluzioni, sia nelle idee e nelle ambizioni che nel vivere quotidiano, rappresentato dagli anni ‘60. La prima sezione, intitolata appunto “La dolce vita”, accompagnerà il visitatore sui set cinematografici, sulle passerelle e nei locali alla moda di Roma con l’esplosione della mondanità, del gossip e dei rotocalchi attraverso le foto di “paparazzi” come Tazio Secchiaroli, Chiara Samugheo o Federico Garolla, per citarne alcuni.

Successivamente, nella sezione “L’amara vita”, un gruppo eterogeneo di fotogiornalisti e fotoamatori mostrerà una serie memorabili di sguardi sul nostro Meridione, raccontando la grande illusione del boom economico e la migrazione di massa verso le grandi promesse del Nord Italia e del Nord Europa, attraverso le foto realizzate anche da autori del calibro di Rinaldo Della Vite, Alfredo Camisa, Piergiorgio Branzi, dei “futuristi” Mario Giacomelli e Antonio Migliori e tanti altri. Infine, la terza e ultima sezione “La nuova vita” porterà i visitatori in uno spazio popolato di simboli dell’urbanesimo e dell’industrializzazione del paese. una serie d’immagini senza autore, provenienti da studi professionali (come quello di Vittorio Villani a Bologna) o da agenzie come la notissima Publifoto, assieme ad altre prodotte dagli uffici stampa di grandi aziende, come la Fiat.

 

La mostra rimarrà aperta ininterrottamente fino a domenica 2 giugno con i seguenti orari: mattina 10-12; pomeriggio 15-18.30. L’ingresso è gratuito.

Articoli correlati