Cerca
Close this search box.

Oltre 500 persone al Teatro Garibaldi per la presentazione del libro su Fabrizio Bernini

Riproduci video

Tutto esaurito per la presentazione del libro sulla storia di Fabrizio Bernini. Ieri pomeriggio, alle 18, al Teatro Garibaldi di Figline, è stato presentato per la prima volta “Qualsiasi cosa accada, un imprenditore visionario. La storia della sua famiglia, il potere di una promessa”, edito da Aska, un volume che ripercorre la vita di uno dei più importanti sel-made man della Toscana. Racconta uno spaccato dell’esistenza di grande uomo di industria che però, anche in età giovanile, ha dovuto fare i conti con tante difficoltà. Oltre 500 persone ad ascoltare le testimonianze del patron della Zucchetti Centro Sistemi, raccolte in una pubblicazione che ha visto protagonista anche lo scrittore valdarnese Filippo Boni. E’ lui, infatti, che ha trascritto in un libro i momenti più struggenti della vita di Bernini e di quella della sua famiglia. Ada, la mamma, venne abbandonata all’Istituto degli Innocenti di Firenze. Adottata da contadini del borgo valdambrino di Solata prima e da un mezzadro eremita di Rapale poi, visse un’esistenza piena di ostacoli e di solitudine. Il padre, Alvaro, dopo il matrimonio, a causa di una tragedia familiare, cadde nel tunnel dell’alcool e finì per trascinare nell’incubo tutta la famiglia, anche il piccolo Fabrizio, che crebbe tra difficoltà e sofferenze.

Quello dell’imprenditore valdarnese vuole essere un messaggio di speranza per i giovani. “Non rinunciate mai ai vostri sogni”. Lui, partito da un’infanzia difficile, ce l’ha fatta e oggi è uno tra i primi uomini d’industria della provincia di Arezzo, a capo di un colosso che fattura quasi 800 milioni di euro. In sala c’erano tanti dipendenti delle aziende di Bernini, ma anche sindaci della vallata, i vertici di Banca Valdarno, di cui è membro del Cda e di Confindustria, dato che riveste un ruolo importante anche all’interno dell’associazione degli industriali. A presentare l’evento, la giornalista Rai Cecilia Primerano. Gli interventi sono stati intervallati dalla musica di Giacomo Rossetti.   Un libro rivolto soprattutto alle giovani generazioni. Verrà quindi presentato anche nelle scuole del territorio.

IN ALTO LE INTERVISTE A FABRIZIO BERNINI, ALL’AUTORE FILIPPO BONI E ALL’EDITORE ALDO FERRUCCI

 

 

 

 

Articoli correlati