Cerca
Close this search box.

Stefania Craxi a Figline per sostenere la candidatura di Silvio Pittori

Questa mattina, a Figline, ha fatto tappa la senatrice Stefania Craxi, presidente della Commissione Esteri, giunta in Valdarno Fiorentino per sostenere la candidatura a sindaco di Silvio Pittori, a capo della coalizione di centrodestra. Craxi è esponente di spicco di Forza Italia e a fare gli onori di casa è stata Cristina Simoni, consigliera di opposizione in comune a Figline e Incisa Valdarno e commissario comunale azzurro. “Il nostro è un partito vivo, che accoglie i valori del riformismo europeo, un partito che mette al centro la persona”, ha detto Simoni, accogliendo la figlia dello storico leader socialista. Presente, ovviamente, Pittori, insieme a Marco Stella, coordinatore regionale di Forza Italia. Simoni ha poi invitato le tante persone che erano presenti all’incontro a indicare la preferenza verso Antonio Tajani nelle prossime consultazioni europee.

 

 

Stefania Craxi ha ricordato la nascita di Forza Italia che, su iniziativa di Berlusconi, “radunò i tre principali umanesimi: quello liberale, quello cattolico e quello socialista. A quell’appello – ha spiegato- abbiamo risposto, riunendo il nostro corredo di valori: qui posso difendere le mie idee e le mie battaglie”. A questo proposito Stefania Craxi ha voluto firmare di suo pugno una vecchia foto che ritrae suo padre Bettino insieme a Carlo Simoni (che aveva accolto l’arrivo di Stefania Craxi con un mazzo di garofani), padre di Cristina e storico esponente dei socialisti figlinesi. Quegli stessi socialisti a cui Cristina Simoni si è rivolta più volte nel corso del suo intervento.

Prima di concludere il suo intervento, la senatrice Craxi ha ricordato l’importanza del voto europeo, perché “l’80% dei provvedimenti che approviamo in Parlamento vengono dall’Europa”, ma ha insistito anche sulla fase storica del voto amministrativo a Figline e Incisa: “In questo paese dobbiamo combattere una battaglia di liberazione”. Un concetto che è stato ripreso da Marco Stella: “Voi avete un compito più importante, oltre a quello di portare Pittori alla guida del Comune: voi dovete combattere anche una battaglia politica di libertà: basta con l’egemonia pseudo culturale della sinistra. E se il centrodestra vince a Figline Incisa, vincerà anche in Regione”.

Un cambiamento auspicato da Silvio Pittori che, nel ringraziare la senatrice Craxi della presenza a Figline Incisa (con la promessa, se eletto sindaco, di intitolare una via o una piazza a Bettino Craxi), ha ribadito le ragioni del suo impegno personale alla guida della coalizione di centrodestra e “i tanti motivi che ora impongono una svolta vera nella conduzione dell’Amministrazione comunale che tanti danni ha prodotto”. Non è mancato un accenno all’ospedale Serristori. “Chi ha chiuso il nostro Pronto Soccorso – ha chiosato Cristina Simoni – ha un nome preciso: il Pd e la sua maggioranza”.

Articoli correlati