Cerca
Close this search box.

Grande successo a San Giovanni per la “Festa della Musica”. Il centro storico un grande palcoscenico con gli artisti di strada

E’ stato un successo, che ha testimoniato, ancora una volta, quanto la gente abbia voglia di uscire di casa e di trascorrere qualche ora in compagnia della buona musica, scambiando anche due chiacchiere con amici e conoscenti. Una voglia che, dopo i terribili anni del Covid, si è manifestata in maniera ancora più evidente. San Giovanni, in questi giorni, ha ospitato la Festa della Musica, con una serie di iniziative che si protrarranno fino a questo sabato grazie ad un cartellone messo a punto dall’amministrazione comunale, dall’Accademia Musicale Valdarnese e dalla Pro Loco sangiovannese. Accanto agli eventi di musica classica e al tradizionale concerto della Banda Comunale che si terrà stasera, il giovedì e il venerdì sera sono stati dedicati agli artisti di strada (musicisti, attori, artisti) che si sono esibiti in tutto il centro storico dal tardo pomeriggio fino a mezzanotte, trasformando le strade e le vie del cuore cittadino in un grande palcoscenico.  San Giovanni è stata quindi invasa da musicisti provenienti da tutta Italia e non solo, per celebrare la Giornata Internazionale della Musica, che è stata costituita nel 1982 per iniziativa del Ministro della cultura francese, Jack Lang. Maurice Fleuret, critico musicale e neo Direttore della musica e della Danza al Ministero della cultura francese. Decise di creare una festa gratuita, aperta a tutte le musiche (senza gerarchia di generi o di pratiche) e a tutti i francesi, incoraggiando chiunque a scendere per strada e suonare con i propri strumenti oppure cantare, senza limiti di sorta.
Per questa festa totalmente laica fu scelta la data del 21 giugno, il solstizio d’estate.
Come ha ricordato il sindaco di San Giovanni Valentina Vadi, nonostante la paura di creare una grande confusione con l’appello (“Fate vedere quello che sapete fare! Fate della musica nelle strade, nei chioschi, nelle stazioni, in tutti i luoghi pubblici”) la prima Festa della musica ebbe luogo il 21 giugno 1982, invitando tutti i musicisti, amatori e professionisti, a prendere il loro strumento e suonare per mezz’ora, dalle 20.30 alle 21.00, in qualsiasi luogo pubblico. Lo slogan era “La musica dappertutto, concerti in nessun luogo”.
Da allora, rappresenta un evento musicale che si tiene il 21 giugno di ogni anno per celebrare il solstizio d’estate in più di 120 nazioni in tutto il mondo. Ma in molte città del mondo le iniziative si protraggono anche nei giorni scorsi. “Siamo felici di averla festeggiata anche a San Giovanni Valdarno – ha detto il sindaco – Un ringraziamento a chi l’ha organizzata e a chi vi ha partecipato, suonando o cantando. E oggi il gran finale con l’Accademia Musicale Valdarnese nel pomeriggio alla Chiesa della Nonziata, e la Banda Comunale con il Concerto del 24 Giugno per il Santo Patrono della città, la sera in piazza Masaccio”.
Articoli correlati