Cerca
Close this search box.

I Veterani dello Sport di Montevarchi festeggiano i 60 anni di vita

La sezione montevarchina dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport ha festeggiato quest’anno i suoi primi 60 anni di attività. Un traguardo eccezionale, salutato con soddisfazione dai vertici dell’associazione, a partire dal Presidente Luca Panichi. Era il lontano 1963 quando un gruppo di sportivi appassionati dette vita all’Unione Nazionale Veterani dello Sport, intitolata ad un personaggio indimenticabile della Montevarchi sportiva, Renato Pieraccioli morto in circostanze tragiche dopo un derby con la Sangiovannese. Da allora è iniziata una lunga storia di promozione e amore autentico verso lo sport, per tutti e a tutti i livelli.

Questo 2023 che ormai ci sta per lasciare è quindi il momento giusto per tracciare un bilancio del cammino fin qui svolto e per ricordare le tante iniziative programmate nel 2024.  “Quando siamo arrivati, nel 2018, con un consiglio direttivo tutto nuovo da me presieduto, per riprendere le attività della sezione dopo un periodo di pausa – ricorda il presidente Luca Panichi – ci siamo detti che i Veterani dello Sport dovevano essere la casa di tutti gli sportivi montevarchini. Un gruppo allargato di donne e uomini, ragazze e ragazzi accomunati dalla pura passione per lo sport. Un luogo di incontro – ha aggiunto – in cui si celebrano i risultati dei nostri atleti più bravi  ma anche l’impegno dei tanti tecnici, allenatori, dirigenti e volontari, quelle figure silenziose che rendono possibile l’attività sportiva di base di generazione in generazione”.

“Abbiamo ricordato e ringraziato tante delle persone che negli anni hanno fatto la storia dello sport a Montevarchi – ha proseguito Panichi –  Da veterani, abbiamo voluto parlare ai giovani, portando nelle scuole alcuni dei maggiori protagonisti dello sport nazionale che con la loro storia incarnano i valori di lealtà, rispetto,
sacrificio, etica ed emancipazione ai quali ci ispiriamo. Abbiamo legato i nostri appuntamenti a iniziative di solidarietà. Abbiamo sempre creduto che le discipline, tutte, abbiano pari dignità e per questo abbiamo promosso l’incontro tra società di calcio, basket, pallavolo, atletica e podismo, ginnastica, tennis, nuoto, golf, a testimonianza di come Montevarchi sia, oggi come sempre, una città di sport e di sportivi”.

In questi ultimi anni, i Veterani dello Sport hanno portato a Montevarchi ospiti di prestigio come Stefano Mei, l’ex campione europeo dei 10.000 metri poi eletto al vertice della Federazione italiana di atletica leggera, sotto la cui presidenza l’atletica italiana sta vivendo il periodo più vincente della sua storia. Insieme a lui Alessandro Donati, forse il più grande paladino della lotta al doping in Italia, tornato poi nel maggio 2022 al fianco di Alex Schwazer, oro olimpico nella 50
km di marcia a Pechino 2008 finito al centro del caso di doping più noto e controverso della storia recente, che a Montevarchi ha presentato il suo libro al quale si è in seguito ispirata la
docuserie Netflix. Hanno incontrato i ragazzi nelle scuole e gli sportivi in dibattiti pubblici, parlando di lotta al doping e cultura sportiva, portando la loro testimonianza al fianco di
riconosciuti esperti e relatori.

C’è il contributo dei Veterani nelle pubblicazioni curate dall’associazione Memoria rossoblù sulla vita di Renato Pieraccioli e sulla storia del Cs Aquila 1902 e del ciclismo a Montevarchi, così
come nella mostra “Campioni nella memoria”, che celebra le storie dimenticate degli atleti deportati nei campi di concentramento nazisti, allestita al Liceo Varchi nel 2019. E tanto sport giocato, dal “Torneo Piramo Faenzi” di tennis diventato un appuntamento annuale, ai meeting di cross atletica al Parco dei Cappuccini e a La Selva, alla prima edizione della
passeggiata in rosa 048 a Terranuova che ha visto oltre 250 partecipanti. Senza dimenticare la Giornata del Veterano”, la festa che ogni anno celebra lo sport montevarchino premiando i suoi protagonisti di ogni disciplina, a tutti i livelli e di ogni età.

Articoli correlati