Cerca
Close this search box.

L’artista montevarchino Cristian Bardelli espone nella sua città. Ieri in Regione la presentazione della mostra

Si intitola “Il caso” la mostra dell’artista montevarchino Cristian Bardelli, che sarà ospitata nel Palazzo del Podestà a Montevarchi dal 23 marzo al 28 aprile. La rassegna è stata presentata ieri mattina a palazzo del Pegaso a Firenze, sede del Consiglio regionale. Come ha spiegato il pittore, trenta le opere in esposizione, di varie dimensioni e di contenuto diverso. La curatrice della mostra, Maria Giovanna Cutini, ha sottolineato come Bardelli, oltre a essere un autorevole esponente dell’astrattismo, sia anche uno sperimentatore. “Molti sono gli strumenti e i materiali che utilizza – ha spiegato – dagli olii alle resine, alla grafite alla carta. Con i suoi colori forti, brillanti, esplosivi riesce a esprimere sulla tela il proprio sentire e le proprie emozioni”. Nell’ultima sala, il piano nobile del palazzo del Podestà, si potrà ammirare la serie dei neri. “Nell’opera di Bardelli il nero diventa materico e la luce rifrange – ha aggiunto Cutini – . Dal nero si trae la luce, con un messaggio importante che diventa quasi una metafora della vita con un messaggio di speranza e di serenità”.

 

 

“L’ufficio di presidenza del Consiglio regionale è sempre disponibile a ospitare le iniziative meritevoli del territorio – ha affermato il vice presidente del Consiglio regionale Marco Casucci – Ho dunque subito colto l’opportunità di presentare la mostra di Cristian Bardelli, artista che ha esposto a Miami, a New York, in Svizzera, facendosi apprezzare come uno dei più valenti esponenti dell’astrattismo internazionale”. “Bardelli è un’artista libero, geniale ed efficace nelle proprie espressioni – ha aggiunto Casucci – ed è un bel gesto, quello dell’amministrazione comunale e della comunità di Montevarchi, per dare il giusto risalto a uno dei figli migliori della propria terra dal punto di vista artistico”.

Il sindaco di Montevarchi, Silvia Chiassai Martini, ha ringraziato il vicepresidente Casucci. “Si tratta di una esposizione a cui teniamo particolarmente – ha detto – espressione di un montevarchino emergente che riesce, attraverso l’astrattismo, a mostrare in maniera istintiva e forte la sua anima. Siamo felici di poter ospitare le sue opere al palazzo del Podestà, dove abbiamo sempre realizzato mostre di varia tipologia, cercando di valorizzare le eccellenze del nostro territorio. Cristian Bardelli è sicuramente una di queste”.

“Guardate le mie opere senza pregiudizio” è l’invito dell’artista, che ha ribadito come “l’astratto ha la potenza di renderti libero e di pensare in maniera autonoma”.

Articoli correlati