Cerca
Close this search box.

Pd di Montevarchi. Stop ad aumenti di imposte, tributi e tariffe comunali per le annualità 2022 e 2023

Nessun aumento di imposte, tributi e tariffe comunali, comprese quelle per l’erogazione di servizi alle famiglie ed anziani per le annualità 2022 e 2023. Questa la richiesta che il Partito Democratico di Montevarchi ha formulato, attraverso una mozione, alla giunta Chiassai. Il documento è già protocollato e sarà discusso in uno dei prossimi consigli comunali. Elisa Bertini, Samuele Cuzzoni, Luciano Rossetti e Letizia Baldetti, nel presentare la proposta, hanno premesso che, dall’inizio dell’anno, molti eventi hanno condizionato e stanno condizionando la vita di molti cittadini e imprese. Da tutto ciò non è ovviamente immune Montevarchi. Lo scoppio della guerra prima, ed il rialzo dell’inflazione adesso, stanno creando crescenti problemi quotidiani.
“Gli aumenti delle materie prime si sono trasformati in ingenti aumenti delle bollette e l’impennata dei prezzi al consumo sta facendo lievitare i costi per i beni di prima necessità di tutte le famiglie e sta avendo ricadute inaspettate e difficili da gestire per tanti nostri concittadini – ha aggiunto il Pd – Le istituzioni europee si stanno adoperando per trovare soluzioni a questa problematica, ed il rialzo dei tassi previsto dalla BCE è volto proprio a produrre un contenimento di questa crescente inflazione, con l’auspicio che non generi un eccessivo rallentamento della crescita economica. Anche il governo italiano si sta adoperando in tal senso e riteniamo quanto mai urgente e necessario che ogni livello istituzionale contribuisca, secondo le proprie competenze e possibilità, a contenere quella che sta diventando una vera emergenza”.
Il Partito Democratico ha sottolineato che il rischio di impoverimento generale e di recessione economica è una reale possibilità e cittadini e imprese di Montevarchi non ne sono esenti. “Riteniamo quindi fondamentale che proprio dall’Amministrazione Comunale debba arrivare un segnale forte ed importante, con azioni concrete e condivise – hanno aggiunto i consiglieri – E’ quindi necessario impegnarsi fin da subito affinché’ si adottino scelte amministrative volte al non aumento di tutte le imposte, tributi e tariffe di competenza comunale – imu, tari, canone unico patrimoniale, addizionali irpef, oneri di urbanizzazione, loculi, lampade votive, passi carrabili, suolo pubblico, insegne, affissioni e  parcheggi”.

 

Articoli correlati