Cerca
Close this search box.

San Giovanni. Due spettacoli a luglio per l’associazione Paro Paro

Un musical e una commedia firmata associazione Paro Paro, che animerà le serate del luglio sangiovannese. Primo evento domani alle 21,15 in piazza Cesare Battisti con“Capitani Coraggiosi – la vita è adesso” . Due frasi che corrispondono ai nomi di due brani famosi di Gianni Morandi e Claudio Baglioni. Lo spettacolo è cantato e ballato interamente dal vivo, dal cast di soci composto da Massi Fruchi, Jessica Citroni, Desiree Falleroni, Annalisa Cuccoli, Marta Solazzo e Alberto Neri e vede la partecipazione di Francesco Marini in una veste particolare, che fa da fil rouge alla storia narrata attraverso le famosissime canzoni di due dei più grandi artisti italiani di sempre.
Le coreografie sono state curate da Jessica Citroni, che ha un passato come ballerina in varie realtà valdarnesi, e lo spettacolo nasce da un’idea di Anima Vera, storica agenzia toscana di animazione.
La vicenda è ambientata 50 anni nel futuro, nel 2073, e si svolge proprio al teatro Masaccio di San Giovanni Valdarno, dove un Francesco Marini ormai divenuto anziano ricorda i bei tempi della sua giovinezza e rivive tanti ricordi avuti insieme ai suoi amici di un tempo: i valori, la speranza e l’amore sono solo alcuni dei temi che vengono trattati da uno spettacolo divertente e coinvolgente e a tratti toccante, che promette di far ridere e cantare, ma anche riflettere, sul passato, il presente ed il futuro.
Martedì 18 luglio alle 21,15 in piazza della Repubblica si terrà la commedia “DurANTE – una parodia infernale”. L’opera è scritta e diretta interamente da Massi Fruchi, direttore artistico dell’associazione ed è una parodia della prima cantica della “Divina Commedia” di Dante Alighieri, l’Inferno, da cui il titolo. Pur trattando con rispetto l’opera originale, della quale sono espressamente citate in più momenti le terzine più famose, il testo ironizza in chiave moderna su tanti dei passi che vengono toccati dal Sommo Poeta nel suo viaggio verso il centro della Terra. Attraverso una rappresentazione comica e bizzarra, volta a coinvolgere e divertire spettatori di tutte le età con battute semplici e dirette, si persegue comunque l’obiettivo di diffondere la conoscenza delle rime dantesche, facendo permanere però sullo sfondo un valore culturale di tutto rispetto.

Articoli correlati