Cerca
Close this search box.

Jacopo Storni e Lucrezia Lombardo ospiti della rassegna “Le Piazze del Sapere” a San Giovanni

Prosegue a San Giovanni la rassegna “Le Piazze del Sapere”, che si tiene all’interno di Palomar. Saranno Jacopo Storni con il suo ultimo libro su Tiziano Terzani e Lucrezia Lombardo con il suo volume su Anna Freud protagonisti dei due prossimi appuntamenti il 24 e il 25 maggio. Si parte venerdì alle 17,30. Jacopo Storni presenterà il suo ultimo libro “Tiziano Terzani mi disse. Nei luoghi delle radici di un esploratore irrequieto” (Ediciclo Editore). A intervistare l’autore, che sarà presente all’evento, ci penserà Lapo Verniani. Un ritratto inedito di Tiziano Terzani attraverso i luoghi delle sue radici e le voci di chi gli ha voluto bene. Un viaggio lungo le strade e i sentieri in cui Terzani ha cominciato a interrogarsi sul mondo, sulla vita, un percorso che smonta gli stereotipi dello scrittore guru, e che rivela l’essenza di un uomo irrequieto ma curioso, fragile ma determinato, alla ricerca di un altrove ma orgoglioso delle proprie origini. Un libro per avvicinarsi a Terzani e che racconta le memorie intime, il pensiero e tanti aneddoti della vita di un ragazzo fiorentino che sentiva dentro l’urgenza di vivere.

 

 

Sabato 25 maggio, sempre alle 17,30 a Palomar, arriverà Lucrezia Lombardo per presentare il suo libro “Berggasse 19. Una donna di nome Anna Freud” (Les Flaneurs Edizioni). Interverranno, oltre all’autrice, Claudia Secciani, insegnante di lettere e Riccardo Lestini, insegnante di lettere e scrittore. Intellettuale amante delle trasgressioni, Anna Freud fu la caposcuola della “psicologia dell’io”. Si dedicò a tempo pieno alla psicoanalisi, che dal suo contributo ricevette nuovi impulsi vitali, in particolare nella direzione della cura dei disturbi infantili. Sul piano sentimentale, è noto il suo legame con la collega statunitense Dorothy Burlingham, ovviamente inviso alla mentalità del tempo. Lombardo cede la parola alla stessa Anna, che si racconta in una lettera immaginaria indirizzata a Dorothy ma fedele alla biografia storica, per ripercorrere le tappe cruciali della vita di una donna lungimirante, indipendente e capace di grandi gesti di empatia, che ha ancora molto da insegnare: un modello da scoprire e riscoprire.

Articoli correlati