Cerca
Close this search box.

XVII Premio cinematografico Marco Melani. Sabato a San Giovanni si premia il regista ungherese Béla Tarr

Riproduci video

“Premio alla carriera per l’estetica rigorosa e radicale con cui la sua cinematografia ha espresso la condizione umana”. Questa la motivazione con la quale la giuria ha deciso di assegnare al regista ungherese Béla Tarr il Premio Marco Melani 2023, la cui cerimonia si terrà questo sabato 16 dicembre al Cinema Teatro Masaccio di San Giovanni Valdarno.
L’importante riconoscimento, istituito a partire dal 2006 per volontà del Comune e di Enrico Ghezzi allo scopo di mantenere viva la memoria dell’autore sangiovannese Marco Melani, “omaggia ogni anno un artista che rispecchi principi di sperimentazione e innovazione linguistica, in ambito cinematografico”.
Béla Tarr si è imposto a livello internazionale con Damnation (1988) e ha accresciuto la sua reputazione e posizione con Sátántangó (1994, della durata di oltre sette ore) e Werckmeister Harmonies (2000).
La cerimonia di premiazione si terrà sabato 16 dicembre al Cinema Teatro Masaccio a San Giovanni Valdarno a partire dalle ore 21, nell’occasione interverranno, autori, storici, critici e figure di rilievo del mondo del cinema. Le attività del premio prevedono, oltre alla cerimonia di consegna, un programma di ricerca, un approfondimento online e una mostra dedicata al Maestro Béla Tarr, che si terrà nel marzo 2024 a Casa Masaccio, per la serie Esporre il cinema.
“Figura di culto nel cinema europeo, Tarr – commenta Fausto Forte presidente di Casa Masaccio – ha affrontato le miserie umane con radicale nichilismo e un’estetica rigorosa, gettando uno sguardo tanto profondo quanto oggettivamente provante su una realtà immota e immutabile, se non per il suo lento e inevitabile dissolversi e disgregarsi. È ampiamente considerato come uno degli autori cinematografici più influenti degli ultimi trent’anni, maestro di magnifiche lunghe riprese, di film malinconici meravigliosamente girati che esprimono la condizione umana”.

Il Premio Marco Melani 2023 beneficia del riconoscimento e del cofinanziamento da parte della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del Ministero della Cultura (MIC) e del sostegno della Regione Toscana. Questo Premio cinematografico, giunto alla sua XVII edizione, fino ad oggi è stato assegnato a: Alberto Grifi, Tonino De Bernardi, Franco Maresco, Pasquale Scimeca, Mario Martone, Otar Ioseliani, Francesco Calogero, Amos Gitai, Giuseppe M. Gaudino, Bernardo Bertolucci, Paulo Branco, Pippo Delbono, Jean-Marie Straub e Danièle Huillet, Chantal Akerman, Lars von Trier.
“È notizia di pochissimi giorni fa – dichiara l’assessore alla cultura Fabio Franchi – che il regista ungherese Béla Tarr ha ricevuto l’Honorary Award della European Film Academy, una tra le più prestigiose istituzione cinematografiche d’Europa. Siamo quindi estremamente lieti e onorati di aver scelto già molti mesi fa proprio Béla Tarr quale cineasta al quale assegnare il Premio Melani 2023. Una scelta che rafforza ancora di più l’autorevolezza del Premio, ponendolo in linea con le valutazioni del più prestigiosi registi europei”.

Articoli correlati