Cerca
Close this search box.

“Sportiva…mente”. Tra gli otto vincitori Sofia Rossi premiata dal Presidente della Regione Eugenio Giani

Sofia Rossi, figlia di Paolo, indimenticabile campione del mondo di Spagna 82 prematuramente scomparso nel dicembre del 2020, è tra gli otto vincitori della prima edizione del Premio letterario “Sportiva…mente”. Il concorso, organizzato dal Panathlon International Area 6 Toscana con il contributo della Regione Toscana, era dedicato agli allievi delle classi IV e V delle scuole primarie toscane che hanno proposto componimenti sul valore e sul significato dello sport.
Sofia frequenta la V B della Scuola primaria Suore Agostiniane di San Giovanni Valdarno e questa mattina è stata premiata dal Presidente della Regione Eugenio Giani nella Sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati per il lavoro dal titolo “Lo sport nel Dna”.
“Lo sport è la mia casa – ha scritto Sofia – la mia famiglia. E’ nel mio DNA, da sempre nella mia vita… Ricordo con grande nostalgia quelle serate d’inverno, quando fuori faceva freddo ed io e papà ci mettevamo sotto la coperta bianca e nessuno poteva disturbarci. Tifavamo insieme, spesso con la maglia Azzurra sopra le nostre gambe. Io lo guardavo e lui mi sorrideva. Era felice perché quello era il suo mondo. Ed io pian piano me ne sono innamorata. Ero piccola ma ho ancora tutto in mente. Sono momenti che hanno segnato la mia vita e mi hanno fatto appassionare allo sport. E non se ne andranno mai dal mio cuore. Come il mio papà, il mio eroe”.
“Lo sport è salute mentale oltre che fisica  – ha detto Giani – ed è molto bello sentire quanto questa affermazione sia vera dalla viva voce di bambini che hanno capito il senso profondo dello sport che è voglia di stare insieme, di divertirsi, di gareggiare con lealtà, di gioire per la vittoria e non disperarsi per una sconfitta ma riprovarci. La forza che viene dallo sport è forza e insegnamento per la vita e impararlo da piccoli aiuta a crescere e diventare donne e uomini migliori”.
E Andrea Da Roit, governatore di Panathlon International Area 6 Toscana ha aggiunto: “Nei lavori arrivati nel corso di questa prima edizione ci sono molti aspetti di rilievo; fra le discipline preferite figurano l’equitazione e la ginnastica oltre al calcio e alla pallavolo e lo sport viene visto come un’occasione per fare squadra, vincere timori e insicurezze e come un insegnamento anche per noi adulti”. 

Articoli correlati