Cerca
Close this search box.

Terranuova: inaugurata “Impronte emotive”, il murale realizzato dagli utenti del servizio di salute mentale Asl Tse

Inaugurata questa mattina “Impronte emotive”, l’opera di street art sulla cabina di E-Distribuzione di via San Tito a Terranuova realizzata grazie ad un progetto sinergico tra Comune, USL, società elettrica, associazione Aldebaran, coop. Sociale Koinè, la Fondazione Il cuore si scioglie onlus, Unicoop Firenze e sezione soci Coop cittadina.
Il murales è stato realizzato da adolescenti e adulti in carico al servizio di salute mentale della Asl Tse zona Valdarno e rappresenta una risposta creativa alla lunga chiusura imposta dalla pandemia. La cabina elettrica è diventata una sorta di tela a cielo aperto, uno spazio di espressione che ha liberato il talento e le emozioni dei giovani facendoli sentire parte della comunità in cui vivono.

Alla cerimonia sono intervenuti, tra gli altri, l’assessora al sociale Sara Grifoni; la dr.ssa Elisabetta Truglia, responsabile Unità funzionale salute mentale adulti Valdarno, Azienda Usl Toscana sudest, ed i medici referenti dei diversi settori coinvolti; il referente comunicazione Toscana e Umbria di Enel Riccardo Clementi e il responsabile sicurezza e ambiente di E-Distribuzione Arezzo Daniele Bini; gli operatori, i ragazzi e le loro famiglie; rappresentanti dell’associazione Aldebaran, della Fondazione Il Cuore si scioglie e della cooperativa sociale Koinè.
Il progetto è stato realizzato grazie ad un lavoro di gruppo che ha favorito lo scambio e la socializzazione. Partendo dai disegni realizzati dagli utenti all’interno del reparto di salute mentale, il lavoro è proseguito con i gruppi seguiti dal formatore Vincenzo Di Martino, in arte “Ninjaz”, che aveva affrontato con i pazienti un corso di tecnica pittorica per graffiti. Ogni persona ha disegnato il proprio soggetto in maniera libera ma integrandola con i disegni degli altri sul muro e per rendere omogenea l’opera è stata indicata una palette ristretta di colori, vernici al quarzo da esterni durevoli nel tempo e resistenti alla pioggia e ai raggi UV, garantendo così l’uniformità del dipinto integrale, seppur realizzato da più di 15 persone diverse.

“L’iniziativa rientra nel più ampio impegno di riqualificazione urbana, che coniuga i valori di sostenibilità, innovazione e rispetto per l’ambiente. Il progetto prevede che le cabine e gli asset elettrici della società siano trasformate in opere di street art, firmate da writer e artisti di strada – ricorda E-Distribuzione. In particolare, con i progetti Cabine d’autore, Cabine in Rosa ed Energia a colori, E-Distribuzione ha abbellito centinaia di infrastrutture in tutta Italia, dando vita a una sorta di museo diffuso che continua a crescere e ad arricchirsi grazie alla collaborazione con artisti locali, amministrazioni comunali, associazioni culturali e scuole. La rete elettrica diventa così anche una rete artistica, trasformando manufatti importanti dal punto di vista tecnico anche in tele a cielo aperto in un dialogo creativo e sostenibile con le comunità locali e con le loro espressioni artistiche e sociali. Gli artisti, le scuole, le amministrazioni e le associazioni culturali possono proporre progetti di street art, prendendo info sul portale dedicato (qui) o scrivendo a streetart-ED@e-distribuzione.com”.

“L’opera è nata da una bella idea dell’associazione di promozione sociale Aldebaran – ha spiegato l’assessora al sociale, Sara Grifoni – e come amministrazione l’abbiamo accolta di buon grado, convinti del profondo valore sociale intrinseco al progetto. Siamo felici di consegnare alla comunità un murales che parla ai ragazzi e racconta dei ragazzi, delle loro fragilità ma anche dei loro sogni. Un valore aggiunto che impreziosisce uno spazio urbano, colorandolo di vitalità. Grazie dunque a tutti coloro che si sono spesi per la realizzazione dell’opera ed in particolar modo all’associazione Aldebaran che ha seguito il progetto con i ragazzi”.

Articoli correlati