Cerca
Close this search box.

Rinnovo del consiglio della sezione soci Coop di Montevarchi. Le perplessità del Movimento Consumatori

In questi giorni è stato rinnovato il consiglio della sezione Coop di Montevarchi ed anche nella maggior parte delle altre sezioni dell’Unicoop Firenze. Il Movimento Consumatori ha manifestato alcune perplessità sul metodo di scelta dei candidati, che è stato portato avanti da una commissione formata da tre membri nominata dai vecchi consigli che, in base alle informazioni in possesso del Movimento, sceglie i candidati discrezionalmente, come recita il regolamento, a suo insindacabile giudizio. “Siamo andati a verificare il significato dell’aggettivo insindacabile – ha spiegato l’associazione – ed abbiamo constatato che in un vocabolario si fa riferimento alle monarchie assolute”. Per i Consumatori sarebbe invece importante un effettivo controllo da parte dei soci. “Infatti – hanno aggiunto – ci domandiamo come si può fare ad essere trasparenti se i candidati vengono scelti ad insindacabile giudizio, se si può essere eletti alle cariche di vertice a vita, se non rendono conto degli errori a nessuno, se non si fa nulla per ampliare la partecipazione dei soci alla vita della cooperativa. E opportuno ricordare – hanno continuato – che una cooperativa, per sua definizione, è una organizzazione democratica che deve garantire la centralità dei soci. Verificheremo se lo Statuto delle Coop è in contrasto con i diritti dei soci e dei consumatori”. Altro aspetto analizzato è quello delle candidature. “Noi non abbiamo nulla contro i pensionati – hanno sottolineato i rappresentanti del Movimento – , ma a vedere la lista dei 27 candidati di Montevarchi salta all’occhio il fatto che vi sono 19 pensionati per lo più senza esperienza di gestioni aziendali. In un mondo dove i Senatori e i Deputati, i Sindaci ed il presidente Americano restano in carica per due mandati e poi vanno a casa – hanno concluso – nelle Coop si può essere eletti anche per quarant’ anni. Essendo noi una associazione, vogliamo essere costruttivi e quindi proponiamo che nel Consiglio di Sorveglianza e nei vari consigli di sezione si possa essere eletti solo per due mandati”.

Articoli correlati