Cerca
Close this search box.

Ospedale della Gruccia. Novità per i primari in ginecologia, pediatria, chirurgia e radiologia. Rassicurazioni ai sindaci

Si sono concluse le procedure del concorso per primario in ginecologia ostetricia – sede vacante da luglio scorso – che si svolgerà tra fine gennaio e inizio febbraio 2024. Gli altri tre concorsi per primariato (pediatria, chirurgia, radiologia) si terranno in tempi brevi. Inoltre, da inizio anno, sarà operativo un nuovo ginecologo al Consultorio del Valdarno. Questo quanto emerso il 7 dicembre scorso durante un incontro che la Conferenza zonale dei sindaci del Valdarno aretino ha avuto con la nuova direttrice sanitaria, Assunta De Luca, in carica da un mese. Dopo la riunione con la direttrice sanitaria uscente, Simona Dei, ad ottobre, e l’appuntamento sugli investimenti strutturali e sui lavori al pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria alla Gruccia con la direttrice amministrativa, Antonella Valeri, i primi cittadini della vallata, con il testa la presidente dell’organismo sovracomunale Valentina Vadi, hanno avuto un faccia a faccia con De Luca per parlare di personale, tema quanto mai attuale.

“E’ stato un incontro molto proficuo – ha detto Valentina Vadi – durante il quale abbiamo fatto il punto della situazione in relazione ai concorsi e alle assunzioni di personale dell’ospedale della Gruccia. E’ un argomento, questo, che ci sta particolarmente a cuore e che continueremo a monitorare perché riteniamo che da qui passi il buon funzionamento del nostro ospedale e il diritto alla salute dei cittadini del Valdarno”. Il direttore sanitario ha quindi confermato i prossimi step, legati all’arrivo del nuovo primario in ginecologia ostetricia e agli altri tre concorsi per primariato in pediatria, chirurgia e radiologia. “Inoltre, insieme al direttore di zona distretto, Stefania Magi, hanno dato notizia che dal 1 gennaio sarà operativo un nuovo ginecologo al Consultorio del Valdarno. Come presidente della conferenza dei sindaci – ha aggiunto Vadi – ho invitato il nuovo direttore sanitario a porre particolare attenzione al percorso nascita in Valdarno che riguarda la ginecologia ostetricia, la pediatria ed il consultorio, tutti e tre in carenza di personale”.

“L’ospedale del Valdarno ha un bacino di utenza molto vasto, aumentato ancora di più negli ultimi mesi, per cui se il percorso della nascita non è adeguatamente tutelato le donne del Valdarno finiscono per rivolgersi al privato, oppure agli ospedali di Arezzo o Firenze – ha proseguito Valentina Vadi – La dottoressa De Luca ha assunto impegni importanti nei riguardi di questa questione, rassicurando gli amministratori presenti. Come presidente della Conferenza dei Sindaci ho espresso al nuovo direttore sanitario il mio apprezzamento e la mia soddisfazione per l’attenzione mostrata nei riguardi del nostro ospedale, fissando con lei già un nuovo incontro che si svolgerà nella seconda metà di febbraio 2024 in modo da avere ulteriori aggiornamenti sulle procedure concorsuali e di assunzione per l’ospedale del Valdarno”.

Articoli correlati