Cerca
Close this search box.

La Federcalcio ha chiesto al Coni di intitolare lo Stadio Olimpico a Paolo Rossi

A Paolo Rossi è intitolato lo stadio comunale di Bucine. Ma nei prossimi mesi potrebbe portare il suo nome uno degli impianti sportivi più importanti d’Italia, lo stadio Olimpico di Roma. La Federcalcio ha infatti chiesto al Coni di intitolare lo Stadio di Roma a Pablito, come già avvenuto, ad esempio, per il San Paolo di Napoli, che si chiama “stadio Armando Maradona”. “Abbiamo avviato un percorso di riconoscenza per Paolo, come memoria storica – ha detto Gabriele Gravina, presidente della Figc, a TuttoMercatoWeb – . Abbiamo intitolato a lui la nostra sala del consiglio federale e mi piacerebbe dedicare a lui anche il Salaria Sport Village a Roma. Inoltre anche lo stadio Olimpico, sempre a Roma. Non è facile ma sarebbe un gesto straordinario”.
Di questa idea ne hanno parlato anche stamani a Coverciano, in occasione della presentazione della nuova APP del Museo del Calcio. “Parlare di Paolo è superfluo, abbiamo avuto la fortuna di averlo in Nazionale. Credo sia un riconoscimento dovuto”, ha detto Gabriele Oriali. “Assolutamente sì, Paolo merita qualcosa di importante e lo stadio Olimpico è il posto della Nazionale. Quello stadio meriterebbe di essere intitolato a Paolo”, ha aggiunto Marco Tardelli. Entrambi sono stati compagni di nazionale di Paolo Rossi, morto poco più di un anno fa al policlinico Le Scotte di Siena per un male incurabile. Pablito era diventato valdarnese d’adozione e aveva acquistato e restaurato un borgo agrituristico a Cennina, sulle colline di Bucine, dove tuttora abitano la moglie Federica e i figli.

Articoli correlati