Cerca
Close this search box.

I 5 Stelle: “L’incontro con i pendolari una mossa propagandistica elettorale”

I gruppi del Movimento 5 stelle di Figline/Incisa, Reggello e Castelfranco intervengono sull’incontro dei sindaci con i pendolari del Valdarno che si è tenuto venerdì scorso. E lo fanno con un documento congiunto critico, soprattutto,  per la tempistica dell’appuntamento anche perché, questo il loro punto di vista, quello che è stato raccontato è né più né meno quello che già si sapeva da molti anni. La conclusione a cui arrivano i pentastellati è esplicita: “Come mai questa riunione con i pendolari, a ridosso delle prossime elezioni comunali? Vengono i dubbi che questa riunione sia stata una mossa propagandistica pre-elettorale”.

Il Movimento 5 Stelle ha sottolineato che è stato detto, ridetto e ripetuto ciò che ormai tutti sanno. Problemi noti a tutti e di cui, da decenni non si riesce a trovare la soluzione. “I fatti sono abbastanza chiari – hanno sottolineato – I pendolari lamentano i problemi di sempre: sempre gli stessi e sempre peggio. Gli amministratori conoscono bene le questioni da 10 anni, ma non hanno saputo, voluto o potuto risolvere e non hanno proposto nuove iniziative. Ciò che questa riunione ha invece evidenziato è stato un fatto incontrovertibile, cioè l’incapacità dei nostri amministratori di risolvere i problemi in un decennio di governo. Cosa ci fa credere che la prossima riunione che si terrà tra un mese con Trenitalia ed RFI possa risolvere la situazione?” Si sono chiesti i pentastellati.

Insomma, per il Movimento 5 Stelle c’è il forte dubbio che si sia trattato di una mossa propagandistica a pochi mesi dalle elezioni amministrative. “Tuttavia – hanno aggiunto – i cittadini dovrebbero ricordare che questi amministratori hanno fallito su questo tema, così come hanno fallito nella difesa dell’ospedale Serristori. È arrivato il momento di cambiare, affidando ad altri la guida del comune. Del resto, non sarà difficile fare meglio”. È stato poi sottolineato la presenza non massiccia dei pendolari all’incontro che si è tenuto venerdì scorso a Figline. “La sala era piena, ma il numero dei presenti è stato comunque modesto rispetto all’elevato numero di persone che utilizzano la linea ferroviaria Arezzo-Firenze. In ogni caso, l’esito dell’incontro non sarebbe cambiato di molto, anche se fossero stati presenti più pendolari”.

Articoli correlati