Cerca
Close this search box.

Reggello, demolito l’asilo nido di Prulli. Qui sarà realizzato un plesso completamente nuovo grazie ai fondi del PNRR

Scuola buttata giù dalle ruspe. Al suo posto ne sorgerà una completamente nuova,  grazie ai fondi del PNRR. La Giunta Comunale di Reggello, guidata dal Sindaco Piero Giunti, ha presenziato alla demolizione dell’asilo nido di Prulli, segnando l’inizio di un ambizioso progetto di ricostruzione delle scuole del territorio. La demolizione dell’edificio esistente è stata necessaria per fare spazio alla costruzione di un nuovo asilo nido, che sarà ulteriormente potenziato e reso più accogliente per i bambini e le bambine della zona. “Il nuovo asilo nido di Prulli è un progetto di estrema importanza- ha dichiarato il Sindaco – in quanto ci consentirà di consegnare un edificio ancora più performante e ospitale per i nostri piccoli concittadini. Questo rappresenta il primo passo di un percorso di ricostruzione che coinvolgerà diverse scuole del territorio, grazie alle risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. L’investimento totale previsto per questo cantiere è di 1.325.500 euro e il nuovo edificio offrirà anche nuove opportunità didattiche per i bambini.”

L’Assessore ai Lavori Pubblici, Tommaso Batignani, ha fornito dettagli tecnici sul progetto della nuova scuola: “Il patrimonio edilizio scolastico è il riflesso del nostro sistema educativo e sociale, e investire in esso è fondamentale. Grazie ai fondi del PNRR, il Comune di Reggello ha destinato circa 4 milioni di euro per la ricostruzione delle scuole. Il cantiere di Prulli è il primo ad essere avviato e vedrà la realizzazione di un edificio a un unico piano, a livello del giardino. Il nuovo ingresso della scuola sarà posizionato dal lato del parcheggio, garantendo così maggiore sicurezza. Inoltre, l’edificio sarà totalmente autonomo dal punto di vista energetico, grazie all’installazione di pannelli fotovoltaici. Questo investimento nelle nostre scuole è essenziale, poiché rappresenta il futuro della nostra comunità.”

Alcune foto di oggi scattate durante la demolizione

Articoli correlati