Cerca
Close this search box.

Bucine. Taranghelli subito all’attacco. “La rotatoria di Levane? Troppi dieci anni per realizzarla!”. Sponda alla giunta Chiassai

“Tempi e tiritere viste per la realizzazione della rotatoria della zona industriale di Levane non sono minimamente concepibili”. Lo ha detto Emiliano Taranghelli, candidato a sindaco per il comune Bucine in rappresentanza della lista Sviluppo Comune. L’imprenditore valdarnese, che ha deciso di scendere in campo per le prossime amministrative, ha sottolineato che la dinamicità e il pragmatismo sono  presupposti imprescindibili del suo ideale di azione politico-amministrativo. “I lavori di queste opere pubbliche, che sono necessarie per la sicurezza e la vivibilità di un territorio – ha detto – devono essere realizzate in tempi ragionevoli. Gli iter che portano ad una realizzazione in circa 10 anni ci sembrano esageratamente troppi. Adesso che, sembra siano state definite le condizioni per procedere all’assegnazione e poi realizzazione, ci auguriamo che questo avvenga da qui a breve senza ulteriori dilatamenti, anche se i 10 anni passati rimangono come dato oggettivo ed i rimpalli di responsabilità a cui abbiamo assistito sono veramente inconcepibili agli occhi della cittadinanza e delle aziende presenti nella zona industriale”, ha proseguito Taranghelli.- .

 

 

“Partiamo da queste responsabilità per lanciare un messaggio di richiamo ad essere pragmatici e celeri per il bene della comunità – ha aggiunto –  La nostra lista civica Sviluppo Comune si pone con l’approccio propositivo e costruttivo per non creare situazioni di questo tipo, anche perché le conseguenze ricadono direttamente sui cittadini che pagano le tasse, ai quali dovremmo dare delle risposte ed essere responsabili del rispetto dei tempi. Ed è da questi concetti che ci poniamo, nei confronti del comune di Montevarchi e della sua giunta, qualora le elezioni di giugno ci vedessero vincenti, come interlocutore costruttivo nell’affrontare i temi specifici delle frazioni che sono a metà tra il Comune di Bucine e quello di Montevarchi; questo farà sì che si possano ottenere decisioni uniche, tese alla risoluzione delle criticità più sentite dai cittadini di entrambe le comunità”.

Articoli correlati