Cerca
Close this search box.

L’ Aquila gioca alla pari e a tratti meglio ad Ancona ma spreca sotto porta ed è punita da due rigori

Non basta una prova alla pari sfoggiata contro un’altra “big” del campionato. Cade ad Ancona l’Aquila Montevarchi, nonostante una partita giocata a tratti anche meglio dei biancorossi. Decidono i due rigori, uno per tempo, realizzati da Rolfini ma i valdarnesi devono rammaricarsi per non aver capitalizzato le opportunità create, specie nella prima mezzora.
La cronaca:
Per la seconda volta in meno di due mesi Amatucci e compagni calcano il tappeto prestigioso dello Stadio Del Conero, gremito da oltre 2500 spettatori. Una cinquantina i sostenitori giunti nelle Marche dal Valdarno. Due novità tra i rossoblù, in divisa bianca, rispetto all’impresa memorabile centrata con il Modena: dentro Eduard Dutu in difesa mentre Bassano prende il posto di Mercati a centrocampo.
Padroni di casa decisi a riscattare il k.o. di Cesena e privi di Ruani e Del Carro. Capitan Papa e Moretti, non al meglio, si accomodano in panchina. Di personalità la partenza montevarchina con un destro largo di Achy al 6′. Pressando alto il team di Malotti si procura al 12′ una clamorosa opportunità. Martinelli centra da sinistra in area; sponda di petto rapida di Gambale e Jallow da pochi passi mette a lato il pallone del possibile vantaggio.
Non è tutto perché al 16′ dopo un contrasto ruvido su Masetti capitan Amatucci serve a Gambale l’assist per segnare. Diagonale radente ma pallone si spegne d’un soffio sul fondo senza che Sulayman Jallow possa intervenire in tape-in. Quando si sbaglia, però, pur giocando assai meglio dell’avversario, l’episodio negativo ci può scappare. Al 32′ Del Sole centra su punizione in area dove Bassano tocca ingenuamente con il braccio e regala ai dorici la più ghiotta delle occasioni. E’ rigore e Rolfini lo trasforma spiazzando Giusti e garantendo all’Ancona Matelica un vantaggio, in verità, ingiusto per quanto si era visto nella mezzora iniziale. Una volta sotto i ragazzi di Malotti concedono qualche spazio in più ai biancorossi che costringono Andrea Giusti alla respinta di pugno su Del Sole (40′). Sul prosieguo dell’azione il solito Rolfini, di testa, non inquadra i pali. Prima del riposo valdarnesi di nuovo protesi in attacco con il piazzato di Carpani dal limite che incoccia sulla barriera. In pieno recupero, poi, Gasperi chiama al volo plastico il portiere aquilotto con un fendente dai 30 metri.
Si riprende con gli stessi protagonisti e dopo 45 secondi Carpani impegna in due tempi Avella. Poi un’altra incredibile occasione per un Montevarchi spavaldo e coraggioso. E’ il 51′ e Barranca si porta sul fondo in dribbling e pennella un cross perfetto per Gambale che incorna a lato quando il pari pareva fatto. Il brivido scuote la squadra di Colavitto che in un minuto va vicinissima al 2 a 0 con Faggioli e Del Sole. Ora la gara è un continuo rovesciamento di fronte.
Malotti toglie Jallow e Barranca per Lunghi e Martorelli. Proprio l’ex Perugia Lunghi ci prova di sinistro senza fortuna al 68′ ma al 70′ Faggioli s’invola verso la porta e viene steso da Dutu. Secondo rigore di giornata e “rosso” per il nazionale Under 20 della Romania. Dagli undici metri Rolfini concede il bis e mette di fatto la partita in cassaforte. L’Aquila inserisce anche Mercati per Gambale, mentre i locali tolgono Iannoni e Del Sole per Farabegoli e Moretti.
Non demordono i valdarnesi anche se ormai la montagna è troppo alta da scalare in inferiorità numerica. Lunghi chiede invano un tocco di mano in area all’80’ e il risultato, pesante in rapporto alla prova offerta dalle aquile, non cambierà più. L’ultimo ad arrendersi è il nuovo entrato Mionic che scalda le mani ad Avella al 90′. Martedì prossimo, alle 17.30, il Montevarchi dovrà cercare di reagire subito ospitando l’Olbia al “Mannucci” di Pontedera. Per i dorici quinto successo di fila in casa dove non sbagliano un colpo. Da segnalare, infine, che in nove turni, il Montevarchi si è visto fischiare 5 rigori contro.
Le formazioni:
ANCONA MATELICA (4-3-3): Avella, Tofanari (85′ Noce), Iotti, Masetti, Di Renzo, Iannoni (74′ Farabegoli), Gasperi, D’Eramo, Rolfini, Faggioli (89′ Vrioni), Del Sole (74′ Moretti). Allenatore: Colavitto.
AQUILA MONTEVARCHI (3-4-1-2): Giusti, Achy, Tozzuolo, Dutu, Barranca (65′ Martorelli), Amatucci (87ì Mionic), Martinelli, Carpani, Gambale (87′ Intinacelli), Jallow (65′ Lunghi). Allenatore: Malotti.
ARBITRO: Tremolada di Monza. Assistenti: Rizzotto di Roma 2 e Monaco di Termoli. Quarto ufficiale Verrocchi di Sulmona.
RETI: 32′ e 72′ Rolfini su rigore.
Note: Angoli 6 a 3 per gli ospiti. Espulso al 70′ Dutu. Ammoniti: Iannoni, Amatucci e Tozzuolo.

Articoli correlati